in , , ,

Festa al Giulio Cesare, arriva Antonello Venditti al Giulio Cesare per l’ultimo giorno di scuola: “Sono più emozionato di voi, Vi auguro ogni bene”

L’irruzione del cantautore manda in visibilio gli studenti. “Ora però devo andare a fare le prove con De Gregori”

venditti al giulio cesare

Sorpresa al liceo Giulio Cesare di Roma, dove per l’ultimo giorno di scuola si è presentato Antonello Venditti, il cantautore che nel 1986 ha lanciato una canzone proprio in onore del liceo di corso Trieste, da lui stesso frequentato. “Eravamo 34, quelli della 3E…”: con queste parole, che costituiscono l’incipit del brano di successo, l’artista è entrato nell’aula magna gremita di studenti e ha ripreso la scena col cellulare, per poi pubblicare il video su Instagram.

Venditti al Giulio Cesare

 

I ragazzi e le ragazze, increduli e felici  lo l’hanno accolto con applausi, urla e infine alzandosi in piedi. “Che bello”, ha esclamato Venditti, che poi si è seduto davanti ai giovani.  “Eccoli, annamo! – ha detto rivolgendosi alla giovane platea- è la prima volta che partecipo all’ultimo giorno di scuola al ‘Giulio’, è una sorpresa più per me che per voi, è una ficata! Vi auguro ogni bene e ricordate che gli anni non si comprano!”. Insieme a Venditti, presente anche il direttore generale della Siae, Gaetano Blandini, che rivolgendosi al cantautore ha detto: “grazie Antonello, sei un pezzo importante della nostra storia”.

Video

Biografia di Redazione Bravo!

Bravonline nasce tra il 2003 e il 2004 frutto della collaborazione tra vari appassionati ed esperti di musica che hanno investito la loro conoscenza e il loro prezioso tempo al fine di far crescere questo magazine dedicato in particolar modo alla Canzone d’Autore italiana e alla buona musica in generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vota l'articolo!

una nessuna centomila

DOMANI, SABATO 11 GIUGNO, ALLA RCF ARENA (Campovolo) DI REGGIO EMILIA “UNA. NESSUNA. CENTOMILA. IL CONCERTO”

Massimo Bigi: l’esordio arriva dalla Factory di Enrico Ruggeri