in , , , ,

La Musica dei Cieli, TUTTI GLI APPUNTAMENTI DA MARTEDÌ 13 A VENERDÌ 16 DICEMBRE

il programma nel dettaglio da martedì 13 dicembre a venerdì 16 dicembre

la Musica dei Cieli

Prosegue con successo la programmazione della rassegna “Musica dei cieli”, promossa e coordinata dall’Associazione Beatme. Dal 1996, La Musica dei Cieli promuove la conoscenza e il dialogo tra le culture attraverso una serie coordinata di concerti nei luoghi di culto e nei teatri della Lombardia, in particolare a Milano. Offre l’occasione di ascoltare musiche provenienti da tradizioni antiche o lontane e di riflettere sui nessi antropologici, come il sacro e la spiritualità, che i nostri tempi tendono a semplificare e ad omologare ai processi di comunicazione.

Il programma dell’edizione 2022 prevede più di venti concerti gratuiti, in massima parte collocati nei quartieri oltre la circonvallazione esterna di Milano. In adesione al bando “Milano è viva” del Comune di Milano, abbiamo ricercato e stretto collaborazioni con organismi culturali radicati in quei territori, i cui scopi e principi sentiamo affini e comunque improntati alla rigenerazione e alla valorizzazione del patrimonio culturale delle periferie.

Un’offerta ricca e diversificata sotto il segno della musica caratterizza gli appuntamenti della Musica dei Cieli, in programma fino al 21 dicembre.

Ecco il programma nel dettaglio da martedì 13 dicembre a venerdì 16 dicembre

  • AMBROGIO SPARAGNA E PEPPE SERVILLO – FERMARONO I CIELI
    Le Canzoncine spirituali di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori
    13 Dicembre 2022, ore 21.00
    Chiesa San Lorenzo Martire – Via Gaetano Negri, Trezzano sul Naviglio
    Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti
    Intorno alla metà del Settecento, Alfonso Maria de’ Liguori, fondatore dell’ordine dei Padri Redentoristi, cominciò ad accompagnare il suo lavoro pastorale fra i poveri del Regno di Napoli con la pratica di alcune canzoncine spirituali composte sia in dialetto che in italiano. Molte canzoncine erano legate al ciclo delle festività natalizie e fra queste le famosissime “Tu scendi dalle stelle”, “Quanno nascette Ninno”, “Fermarono i cieli”; altre alla devozione mariana. Lo spettacolo Fermarono i Cieli propone alcuni di questi canti religiosi popolari e altri appositamente composti da Ambrogio Sparagna per l’interpretazione originalissima di Peppe Servillo e di un gruppo di strumenti popolari, fra cui una zampogna gigante, un modello di straordinarie proporzioni, alta quasi due metri, diffusasi nel regno di Napoli a partire dalla fine del Settecento proprio allo scopo di accompagnare il repertorio delle can- zoncine spirituali.
  • MAYA YOUSSEF – SYRIAN DREAMS, FINDING HOME
    13 Dicembre 2022, ore 21.00
    Chiesa Cristiana Protestante – Via Marco De Marchi 9
    Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti
    LABORATORIO MUSICALE NEL CARCERE MINORILE BECCARIA
    a cura dell’Associazione Suonisonori 13 e 15 Dicembre 2022, ore 15:00
    Carcere Minorile Cesare Beccaria – Via dei Calchi Taeggi 20
    Riservato agli utenti del carcere
    Il laboratorio di musica si struttura su due interventi settimanali della durata di tre ore cia- scuno. I moduli che costituiscono ogni intervento sono suddivisi in aree tematiche che comprendono la scrittura di testi e la pratica di uno strumento (pianoforte, batteria/percus- sioni, basso e chitarra), al quale i ragazzi accedono per attitudine, interesse o conoscenza pregressa. Il laboratorio è gestito dall’Associazione Suonisonori in collaborazione con il presidio scolastico del CPIA5 di Milano e da l’associazione 232aps associazione con cui Suonisonori lavora da diversi anni. Nei due incontri che si svolgeranno nel mese di Dicem- bre si porrà maggiormente attenzione alla pratica degli strumenti musicali, in continuità con il concerto che l’Orchestra di Via Padova terrà nella Chiesa dell’Istituto.
MAYA YOUSSEF
MAYA YOUSSEF
  • 14 Dicembre 2022, ore 21.00
    MAYA YOUSSEF
    Basilica Santi Nereo e Achilleo, Cappella Madonna di Fatima – Viale Argonne 56
    Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti
    Il qanun è un ancestrale cordofono di 78 corde, una sorta di cetra trapezoidale, un’arpa da tavolo impiegata nella musica classica tradizionale araba. Tra i principali virtuosi del qanun c’è Maya Youssef che suona questo strumento come se dalla musica dipendesse la sua vita, che è forse l’unico modo in cui la musica andrebbe suonata. Nel suo primo disco “Syrian dreams”, prodotto dal grande Joe Boyd, racconta i sei anni di guerra che hanno distrutto il suo paese, la cui bellezza rimonta alle scaturigini della civiltà. Il suo sguardo rimane lucido, teso, e in qualche modo visionario: le “bombe si trasformano in rose”, le “Sette Porte di Damasco” si allineano ai moti planetari, la speranza attenua nei sogni il dolore e la perdita. I suoi pezzi si baseranno anche sulle scale modali della musica maqam, ma ugualmente si sentono echi di flamenco, di fado, di jazz, altre musiche nobili che proprio qui, nell’incontro con le tradizioni arabe e bizantine, avevano trovato una prima, remota ibridazione.

 

DAKHA BRAKHA
DAKHA BRAKHA
  • DAKHA BRAKHA – IN CONCERTO
    15 Dicembre 2022, ore 21.00
    Chiesa Santi Gervaso e Protaso – Via Osoppo 2

    16 Dicembre 2022, ore 21.00
    Chiesa Santa Maria Beltrade – Via Nino Oxilia 8

    Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

    La martoriata terra d’Ucraina ha negli ucraini DakhaBrakha un punto di forza non soltanto artistico. Nati nel 2004 nel Kiev Center di Arte Contemporanea i DakhaBrakha sono amba- sciatori militanti della musica e della cultura del loro paese, continuatori rispettosi di un passato glorioso e allo stesso tempo audaci attori della sua trasformazione. Il nome Da- khaBrakha vuol dire dare/avere, prendere o lasciare, un’oltranza che prende, rimescola, ricrea e torna a dare da molte fonti, la prima delle quali è ovviamente la musica tradizionale ucraina, di cui hanno una conoscenza millimetrica, da antropologi laureati quali sono. Ma i loro orizzonti includono anche altri mondi e altre tradizioni, il loro strumentario è illimitato, l’intreccio di voci sempre strabiliante. Humour e teatralità sono sempre state le caratteristi- che sceniche dei DakhaBrakha. Ora però che il loro paese è in fiamme, ogni concerto di- venta anche testimonianza di coraggio e di resistenza. La musica acquista sacralità perché sacro è tutto ciò che ci trascende e ci nobilita.

 

INFORMAZIONI MUSICA DEI CIELI: www.lamusicadeicieli.it

FACEBOOK: @lamusicadeicieli
INSTAGRAM: @lamusicadeicieli
INFOLINE: +39 351 7066486 (dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 18.00)

Biografia di Redazione Bravo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

al bellini di catania, pensieri e parole di battisti nell’espressione artistica di peppe servillo

Pensieri e parole – Omaggio a Lucio Battisti con Peppe Servillo, Fabrizio Bosso, il sax di Javier Girotto e il pianoforte di Rita Marcotulli,

premio bianca d'aponte

Cantautrici: al via le iscrizioni al Premio Bianca d’Aponte