in ,

MARC RIBOT TRIO in concerto – 28 aprile – Torino

Dalle Nuove Musiche Al Suono Mondiale

XX STAGIONE

Mercoledì 28 aprile

ore 21.00

Teatro Vittoria

Via Gramsci 4  – Torino

MARC RIBOT TRIO

(Usa)

In collaborazione con Folkclub

La sua apparizioni, nel corso dei vent’anni della rassegna Dalle Nuove Musiche Al Suono Mondiale sono ormai leggenda e il fascino di questo artista tanto geniale quanto simpatico è praticamente insuperabile.

Il trio che sarà protagonista del concerto in programma mercoledì 28 aprile al Teatro Vittoria di Via Gramsci 4 annovera insieme a Marc Ribot alle chitarre due vero e proprio mostro sacro del free jazz come Henry Grimes al basso e Chad Taylor alla batteria. Musicisti che stupiscono per la coesione e per la capacità di seguire Ribot su e giù per i territori della musica, tra punk e jazz, musica colta e tradizionale americana, abbattendo steccati e facendosi beffe di confini arbitrari e inconsistenti.

Marc Ribot è nato a Newark, nel New Jersey, nel 1954. Ha suonato la chitarra in numerose garage band, durante gli anni della scuola, mentre studiava chitarra con il suo mentore e maestro, l’haitiano Frantz Casseus (cui Marc dedicherà il disco Marc Ribot plays the works of Frantz Casseus nel ‘93). Nel 1978 si trasferisce a New York dove suona nei Realtones (84-89) e nei mitici Lounge Lizards di John Lurie. Nello stesso periodo collabora con giganti del calibro di Wilson Pickett, Rufus Thomas e Chuck Berry. Ma aprire il quaderno degli artisti con cui ha collaborato Marc, equivale a fare un inventario dei musicisti più geniali e inventivi che la musica americana ha prodotto negli ultimi vent’anni: Tom Waits su tutti, ovviamente, al quale Marc, con la sua chitarra, ha dato un fondamentale contributo nella creazione del suo inconfondibile sound; e poi John Zorn, Arto Lindsay, Laurie Anderson, McCoy Tyner, T-Bone Burnett, The Jazz Passengers, Medeski Martin & Wood, James Carter, Joe Henry, Allen Toussaint, Trey Anastasio, Patti Scialfa; e fuori dai confini americani: Elvis Costello, Marianne Faithful, Caetano Veloso, David Sylvian, Susana Baca, il nostro Vinicio Capossela, Vinicius Cantuaria, i cubani Sierra Maestra, e il francese Alain Bashung.

Negli anni ‘90, Marc ha fondato i Los Cubanos Postizos, con i quali ha inciso due dischi e tenuto numerosi tour in tutto il mondo. Un musicista in continua ricerca; un chitarrista tecnicamente dotatissimo, capace di buttare a mare tutto il suo virtuosismo in cambio di un suono “altro”, un ponte tra le avanguardie jazzistiche degli anni 50 e 60 e quelle post-rock degli anni 90 e duemila.

…come Thelonius, Ribot sa esattamente come e quando suonare la giusta nota sbagliata… Signal to noise

Henry Grimes è universalmente considerato uno dei più grandi bassisti della storia del jazz. Basti dire, per inquadrarlo, che è stato uno dei pochi bassisti a suonare il basso per il grande Charles Mingus, nelle occasioni in cui il Maestro passava al pianoforte. L’elenco degli artisti ai quali ha prestato la sua grande sensibilità di contrabbassista è praticamente la galleria dei grandi del jazz: Albert Ayler, Don Cherry, Benny Goodman, Coleman Hawkins, Roy Haynes, Lee Konitz, Steve Lacy, Gerry Mulligan, Sonny Rollins, Pharoah Sanders, Archie Shepp, Thelonius Monk, Cecil Taylor, Charles Tyler, McCoy Tyner, e tantissimi altri. A fine anni 70 abbandona completamente lo strumento ritirandosi a vita privata. Vent’anni più tardi William Parker gli regala un contrabbasso implorandolo di tornare a suonare in considerazione della grande influenza che esercita sulla giovane generazione di bassisti di cui Parker è esponente di rilievo. Grimes rientra alla grande, e, ben lungi dal rifare il verso a se stesso o allo stile di vent’anni prima, torna immediatamente sulla cresta dell’onda dell’avanguardia, la sua presenza in questo trio ne è prova lampante.

Chad Taylor si divide nella sua attività di batterista tra la scena jazz newyorkese e quella post-rock di Chicago. A New York, tra gli altri, ha lavorato con Bobby Bradford, Peter Brotzmann, Roy Campbell, Eugene Chadbourne, Leroy Jenkins, Joe McPhee, Roscoe Mitchell, John Zorn. A Chicago con Brokeback, Isotope 217, I tedeschi Mouse on Mars, StereoLab, Tortoise, Jim O’Rourke, Sam Prekop.

www.marcribot.com

jazz

Posto unico € 18 ridotto € 15

Prevendite per gli spettacoli

INFO PIEMONTE, Piazza Castello angolo Via Garibaldi – Torino

Tutti i giorni dalle 10 alle 18 (non si applicano diritti di prevendita). Sono previste riduzioni sui biglietti presentando al momento dell’acquisto le tessere Fnac, Aiace, Abbonamento Musei, Torino + Piemonte Card.

Sono disponibili biglietti ridotti registrandosi sul sito www.musica90.net

Per prenotare i posti a prezzo ridotto presso il Teatro Astra è necessario recarsi alla cassa del teatro e presentare la mail di conferma entro la settimana precedente il concerto.

Nei giorni dei concerti a partire dalle ore 20 è aperta la biglietteria presso la sede dei concerti.

Con il patrocinio della città di Torino

www.musica90.net

Condividi

Biografia di Redazione Bravo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guido Maria Grilo

Guido Maria Grillo – L’intervista di “Bravo!”

Zibba e Almalibre: arriva “UNA CURA PER IL FREDDO”