in

Miriam Ricordi – Siamo Sordi Davvero

il nuovo singolo di Miriam Ricordi

miriam ricordi

E’ uscito il 14 luglio “Siamo Sordi Davvero”, il nuovo singolo di Miriam Ricordi. Particolare, irriverente e con un sound davvero accattivante.

 

Miriam Ricordi – Siamo Sordi Davvero

Siamo Sordi Davvero

“Siamo Sordi Davvero” combatte contro gli stereotipi e il patriarcato. Lo fa ironizzando sulle imposizione della società e sul ruolo della donna, che nonostante il ventunesimo secolo, è ancora considerato minore rispetto all’uomo. Il brano inizia e ci sentiamo subito rispecchiare nelle sue parole. La storia di una ragazza sui trentanni che combatte contro una società che la vuole solo sposata e con figli, ma la vita è molto più di tutto questo. Miriam Ricordi utilizza la musica per gridare in faccia a tutti che ognuno di noi è libero di scegliere la vita che più le piace.

“Ma ‘ndo vai se la banana non ce l’hai?” cantava la scalcagnata compagnia teatrale di Alberto Sordi nel film Polvere di stelle del 1973, in una canzoncina rimasta celebre negli anni.

Quel verso rappresentava esattamente tutto quello contro cui avevo lottato in infanzia e adolescenza. Perché mai quel maledetto motivetto lo conoscevo tanto bene? In un attimo il mio inconscio ha ritenuto opportuno destrutturare quello slogan e farne un inno contro il patriarcato. Ecco a prendermi gioco di tutto quello che mi è stato d’intralcio, e mi sta stretto nella vita.

Si tratta di una canzone musicalmente trascinante, che con dissacrante ironia butta giù una serie di stereotipi, frasi fatte e pregiudizi che tuttora, a cinquant’anni dalla canzone della “banana”, pervadono la mentalità e la cultura imperanti nella nostra società. Il brano ha già peraltro incassato un consenso di critica: infatti è stato selezionato fra i finalisti del Premio Amnesty International sezione emergenti, che a fine luglio premierà il brano che meglio sappia “interpretare e diffondere i principi della Dichiarazione universale dei diritti umani”.

Biografia di Redazione Bravo!

Bravonline nasce tra il 2003 e il 2004 frutto della collaborazione tra vari appassionati ed esperti di musica che hanno investito la loro conoscenza e il loro prezioso tempo al fine di far crescere questo magazine dedicato in particolar modo alla Canzone d’Autore italiana e alla buona musica in generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Vota l'articolo!

sergio pennavaria

Sergio Pennavaria, senza lume nei mari profondi dell’anima

isotta d'aponte

Isotta è la vincitrice del Premio Bianca d’Aponte 2021