in ,

ANDREA PAPETTI – “L’inverno a Settembre”

Provate immaginare i granelli di sabbia contenuti in un pugno che vengono lanciati in aria e che cadono ovunque; è così che io immagino gli artisti, dei puntini sparpagliati in ogni angolo di questo paese stupendo,ricco d’arte, di musica e di letteratura. Nelle Marche, regione accogliente, a San Benedetto del Tronto,  cittadina affacciata sul mar Adriatico,  un granello di sabbia appena vista la luce ha amato la poesia.  L’Artista  si chiama Andrea Papetti che a soli 18 anni ha vinto dei concorsi letterari nazionali. A quell’età ed immerso nel panorama artistico,  sulla strada ha incontrato la musica. Alcune poesie sono diventate canzoni.

A 25 anni, Andrea ha scritto un testo molto importante L’uomo della verità dedicato all’eroe siciliano Peppino Impastato. Questa  canzone divenne subito la colonna sonora di un documentario e fu inserita in un libro di poesie e canzoni per Peppino Impastato.  Quattro anni fa Andrea Papetti ha conosciuto il grande batterista Alessandro Svampa, celebre per aver suonato con De Gregori ed insieme hanno fatto un percorso fino a realizzare l’album L’inverno a settembre nel 2010.  Hanno partecipato a questo progetto il chitarrista Massimo Fumanti, il contrabassista Luca Bulgarelli, il pianista Angelo Trabucco, il fisarmonicista Mauro Menegazzi ed il sassofonista Fabrizio Mandolini, tutti ottimi ed apprezzati musicisti dato che hanno suonato con artisti di grande fama come Renato Zero, Francesco De Gregori, Sergio Cammariere, Fabrizio Bosso, Roberto Vecchioni, Pierangelo Bertoli, Alex Britti e tanti altri.

In questo CD , le canzoni hanno tutte uno spessore artistico notevole soprattutto nei testi. Le tematiche vertono alle problematiche sociali e alla guerra come il pezzo dedicato a Enzo Baldoni ucciso in Iraq nel 2004, intitolato “Inferno Baghdad” ma anche “Il testamento di Enzo”, magnificamente recitata da  Piergiorgio Cini, rivelandosi a mio dire un bravo attore; “Così lontano così vicino” tocca un tema attualissimo: la miniera “…traducimi le stelle…l’epitaffio della miniera….visi di fuliggine e sangue nella sera….” Che vorrei dedicare a tutti i minatori imprigionati e morti nelle miniere ; altro impatto sociale è in “Vanilla sky”, contrasto tra realtà e sogno; “L ‘uomo della verità” è la storia dell’eroe siciliano che ha distrutto l’omertà con la voce e la sua mano; bellissimo il testo di “Il cielo di Beslan” ….SI PUO’  MORIRE PER UN’IDEA, UN CAPRICCIO, UNO SCHERZO, IN GUERRA DA SOLDATO, IN PACE DA ANNOIATO MA MAI CON GLI OCCHI DA BAMBINO ….; nel cd troviamo anche canzoni romantiche come “Hotel” dove ricorda le poesie di Verlaine e i paesaggi di Monet;  “Parigi cosa avevi nella testa?”   …ora voglio danzare sulle dune dei silenzi là dove non c’è il sole a scaldarmi i sensi…: “Lìinverno a settembre” dedicata alla mamma; “Ninna nanna” dedicata alla nonna ed infine “Al molo” perché il molo è sempre lì pronto ad accogliere ogni uomo disperato sorpreso nella pioggia. Nel CD è stato aggiunto un bonus track “Banneri” cantato assieme al bravo cantautore siciliano Pippo Pollina.

La voce di Andrea Papetti è bella e pulita ma non si distingue particolarmente perché assomiglia ad altre voci del panorama di cantautori attuale ma questa precisazione non è un problema dato che ricordo le voci giovanili di Luigi Grechi, Giorgio Lo Cascio, Claudio Lolli e Francesco de Gregori abbastanza simili poi con la maturità e attento studio,  seguendo strade diverse si sono personalizzate. Auguro che anche Andrea trovi la sua strada e la direzione giusta in questo senso.

images copertina papetti

Biografia di Gloria Berloso

Gloria Berloso nasce a Gorizia il 17 dicembre 1955. Dal padre viene indotta fin da piccolissima all'amore per la musica e la danza, che rimangono le sue grandi passioni. Tra il 1965 e il 1975, la musica Rock ha un ruolo importante per la sua formazione ed uno stimolo per conoscere e ascoltare i dischi più rari. Agli inizi degli anni '90 per pura passione scopre la predisposizione di stare in mezzo ai musicisti, organizza concerti e approfondisce la conoscenza della musica Folk, soprattutto americana. In uno di questi eventi nel 1998 incontra il musicista di fama mondiale Ricky Mantoan con il quale si consolida un rapporto artistico successivamente. Vissuta nell'ambiente artistico torinese per 10 anni impara a suonare vari strumenti, in particolare l'Autoharp e studia canto. Promuove la musica con concerti, dischi, articoli, saggi, recensioni, libri e collaborazioni artistiche internazionali. Collabora con Bravo dal 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota l'articolo!

ANTIGONE di ROBERTA DI LORENZO

Marcello Murru – La mia vita galleggia su un petalo di giglio