in

dopo il Tenco, il premio Brassens a Max Manfredi.

Un nuovo riconoscimento per Max Manfredi: il 29 novembre a Vercelli durante il suo concerto per il “Festival di Poesia Civile” gli sarà conferito il Premio Georges Brassens per “i connotati di alta qualità dei suoi testi legati alla forza poetica della musica”.

Il Premio segue la grande affermazione di “Luna persa”, il nuovo album, nelle prestigiose Targhe Tenco che vedevano in lizza quest’anno anche i dischi di Vinicio Capossela, Dente, Ivano Fossati e Bobo Rondelli. L’artista genovese ha ritirato la Targa venerdì scorso durante il Premio Tenco ed ha proposto tra le ovazioni degli spettatori alcuni brani dell’album: “L’ora del dilettante”, “Libeccio” e “Il Regno delle fate”. Ma l’enorme consenso del pubblico del Teatro Ariston (quasi 2000 i presenti) ha obbligato ad un bis fuori programma: “Notti slave”. Proprio nei giorni del Tenco è giunta la notizia della terza ristampa dell’album, pubblicato da Ala Bianca Group e distribuito da Warner.

Come sempre fitto il calendario degli appuntamenti live. Ecco le date ad oggi confermate:

21 novembre, Pisa, Sala del Capitolo della Chiesa di San Francesco
26 novembre, Genova, ore 18: breve reading per “Genovainedita”. Oltreconfine Cafè, piazza San Lorenzo
27 novembre, Mondovì (CN), Teatro Baretti, ospite nel concerto dei MaMaGrè
28 novembre, Mondovì (CN), ore 17,30: incontro/presentazione di “Luna persa” in luogo da definire
29 novembre, Vercelli, concerto nell’ambito del Festival di Poesia Civile
11 dicembre, Novoli (LE), Teatro comunale, Rassegna “Tele e ragnatele”
13 dicembre, Chiavari (GE), Moda cafè
19 dicembre, Monvalle (VA). Con Accademia Viscontea (concerto di musica antica)
30 dicembre, Lavagna (GE), luogo da definire
15 gennaio, Roma, Mitreo
17 gennaio, Aversa (CE), Auditorium Bianca D’Aponte
19 gennaio, Benevento, Mulino Pacifico. Concerto presentato da Morgana Music Club
30 gennaio, Luogo a sorpresa. Festa per la vittoria di “Luna persa” come miglior disco dell’anno al Premio Tenco
6 febbraio, Santa Margherita Ligure (GE), ospite nell’edizione invernale del Premio Bindi
19 febbraio, Seregno (MI), Tambourine
20 febbraio, Solza (BG), Castello Colleoni, Rassegna Neverlandinverno
Dal 17 al 21 marzo, Genova, Teatro Duse, ospite nello spettacolo “Viaggiatori viaggianti”.

Max Manfredi è artista obliquo, giocoliere ed alchimista del dire cantando. Canzoni calibrate e vertiginose come una giostra di fine ottocento. Racconti di mare, di viaggi, città e metropoli, storie d’amore e di disincanto, schiaffi e carezze, evocazioni di scene meridiane o crepuscolari. Una musica onnivora, meteoropatica, poeticissima. Una presenza magnetica sul palco. Un poeta della scena che, per lucidità ironica e potere visionario non ha eguali oggi in Italia. Un incantautore.

Nel corso degli anni, attraverso pochi dischi e molti concerti, è nato nei suoi confronti un crescente culto, sin dalle vittorie nel 1990 della Targa Tenco “opera prima” e del Premio Recanati. Fabrizio De André lo ha definito “il più bravo„ (“Gazzetta di lunedì/Corriere Mercantile„ 23/6/1997), mentre Roberto Vecchioni ha detto di lui: “E’ un capostipite (…), è uno che ha bazzicato col romanzo, con la poesia, col dialettale, con la canzone e senza, è un capace, uno che non posso nemmeno limitare con il termine di cantautore.”

Il suo ultimo album, “Luna persa” contiene, fra le altre canzoni, “L’ora del dilettante„, sigla del Meeting Etichette Indipendenti di Faenza, e come bonus track “La fiera della Maddalena”, cantata con Fabrizio De André. Alla fine del 2008 Max Manfredi è stato inserito da Gianni Mura su “Repubblica” fra i 100 personaggi italiani dell’anno. In estate “Luna persa” si è poi aggiudicato il “Premio Lunezia – canzone d’autore”.

Condividi

Redazione Bravo!

Biografia di Redazione Bravo!

Bravonline nasce tra il 2003 e il 2004 frutto della collaborazione tra vari appassionati ed esperti di musica che hanno investito la loro conoscenza e il loro prezioso tempo al fine di far crescere questo magazine dedicato in particolar modo alla Canzone d’Autore italiana e alla buona musica in generale.

One Comment

Leave a Reply

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Vota l'articolo!

    La storia siamo noi, De Gregori visto da Antonio Piccolo

    Tenco 2009, i limiti dettati dalla libertà.