in ,

Eric Bibb – ” Booker’s guitar “

Eric Bibb ha una storia simile ad altri leggendari musicisti e fra le parentele di famiglia,  c’è il celeberrimo zio pianista e compositore John Aaron Lewis (Chicago, 3 maggio 192029 marzo 2001) del Modern Jazz Quartet, che al mondo del jazz hanno dato un contributo altissimo evolvendo a livelli straordinari la musica afro-americana.  Ho avuto la fortuna di partecipare ad alcuni concerti del Modern Jazz Quartet e non potrò mai dimenticare la performance di My Funny Valentine.
Tra gli amici di famiglia c’era Pete Seeger e Eric fu sempre circondato fin da piccolo, da talenti della grande musica come Bob Dylan e Paul Robeson.
A 16 anni, suo padre lo ha invitato a suonare la chitarra nella  band di casa,  per il suo talent show televisivo. Nel 1969, Bibb suona la chitarra per la Negro Ensemble Company a St. Mark’s Place a New York. A 19 anni, Bibb parte per Parigi, dove incontra il chitarrista Mickey Baker ed ha focalizzato il suo interesse per  chitarra blues. In seguito si trasferisce a Stoccolma in Svezia e mentre continua a scrivere e a cantare,  s’immerge nella musica pre-war blues e scopre la wordl music, musica che presenta una contaminazione fra elementi di musica pop e musica etnica. Alcuni esempi di questo genere sono l’opera di Peter Gabriel o di Paul Simon.
Alla fine degli anni 1990 Bibb ha unito le forze con il suo allora direttore Alan Robinson per formare Records Manhaton in Gran Bretagna. L’album Good Stuff è stato pubblicato nel 1997. Gli album Home to Me (1999), Roadworks (2000) and Painting Signs (2001) followed,  as did another Opus 3 release, Just Like Love . Gli album casa per me (1999), lavori in corso (2000) e Painting Signs (2001).
Dopo di che, ha fatto un affare di famiglia (2002) con il padre, Leon Bibb: Luce Naturale quindi Amici – 15 brani dove Bibb duetta con amici e musicisti che aveva incontrato nei suoi viaggi, come Taj Mahal, Odetta , Charlie Musselwhite , Guy Davis , Mamadou Diabate e Djelimady Toukara .
Nel 2004, Eric Bibb liberato “Amici” come il suo debutto sotto Telarc International Corporation . Bibb è rimasto con Telarc Records dal 2004 rilasciando diversi album supplementari tra cui, “A Ship Called Love” nel 2005,  “Giorni Diamond” nel 2007,  e “Get Onboard”  nel 2008.
Dopo una breve assenza, con “Booker’s guitar (Telarc, distribuzione Egea Record), Eric Bibb riscopre le radici blues Delta del Mississippi, chitarra e armonica.
Dopo un concerto, l’incontro casuale con un fan che gli mostra una Resophonic National,  chitarra appartenuta a Booker White, Bibb ritrova le sue radici musicali ed incide il disco Booker’s guitar in compagnia di Grant Dermody, con15 brani che al primo ascolto ti danno un calore immediato.

Tracklist:
– Booker’s Guitar
– With My Maker I Am One
– Flood Water
– Walkin’ Blues Again
– Sunrise Blues
– Wayfaring Stranger (traditional)
– Train from Aberdeen
– New Home
– Nobody’s Fault But Mine
– One Soul to Save
– Rocking Chair
– Turning Pages
– A Good Woman
– Tell Riley
– A – Z Blues

Players:
Eric Bibb, vocal & guitar
Grant Dermody, harmonica
Con Flood Water l’emozione si sente, il racconto dello straripamento del delta del Missisipi è straziante ma subito l’armonica  di Grant Dermody ti ridona la dolcezza dei suoni magici della musica blues, semplice ma divina.
Grazie Eric!

Condividi

Avatar

Biografia di Gloria Berloso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Vota l'articolo!

SAMUELE BERSANI – Manifesto Abusivo

Edoardo Bennato – Le vie del rock sono infinite