in , , , ,

Mommo: il passato dolcemente riaffora

Si intitola “Canta tu” il nuovo singolo di Angese Mommo

Eh si, leggera e ricca di pace questa bandiera alla nostalgia che diviene foriera di lunghe prospettive sul futuro. Agnese Mommo in arte semplicemente Mommo, ci regala questo singolo che vogliamo sottolineare proprio per ricordarci quanto sia efficace e potente la canzone quando sa fare il mestiere della narrazione. “Canta tu” è un omaggio al tempo e alla vita, di quel giocattolo di quanto eravamo bambini, di questo futuro in cui tutti dobbiamo sembrare giganti. La nuova canzone d’autore italiana ha sempre più il forte bisogno di celebrare il passato.

Leggera, ricca di pace… il passato che torna per codificare il presente. Che rapporto hai col passato?
Cerco di stabilirci un bel rapporto, perché il passato per me, come penso per la maggior parte di noi, è un posto sicuro che se lo guardo, tramite ciò che ricordo e riesco a vedere, so che è anche grazie a quello se oggi sono quella che sono. Non ci penso spesso al passato, ma quando mi sento riflessiva cerco di vederla in questo modo.

Il passato anche dentro la copertina di questo nuovo brano… e quindi col futuro invece? Ti fa paura?
Un po’ si, non sappiamo mai cosa ci aspetta, ma devo dire che un annetto fa mi faceva molta più paura…I progetti che sto cercando di realizzare oggi mi tengono ben focalizzata e determinata su ciò che voglio raggiungere, e con la paura non andrei da nessuna parte.

Il futuro cerchi di smarcarlo anche nel modo di pensare alla forma del suono e della scrittura. Posso dirti che c’è tanto De Gregori dentro? O sbaglio?
Tra i cantautori che ascoltavo da piccola in macchina con i miei sicuramente c’è anche De Gregori e sicuramente ci sono alcune sue canzoni che ho nel cuore, perciò prendo come un complimento o comunque come una cosa positiva questa osservazione, anche se non è tra i principali cantautori dai quali traggo ispirazione.

Un disco in arrivo? Un brano come esce, come test… oppure sei tra quelle artiste che trova pace nella dimensione dei singoli? Anche qui c’è molto di passato se vuoi…
Il disco è sicuramente nei miei programmi, infatti io e il mio team di Studioimusicroom con Ivana Pellicanò e Matteo Carlini sentiamo che sta per arrivare il momento; per ora i singoli sono l’opzione per poter continuare a fare ascoltare e conoscere man mano parti di me.

Prendo ispirazione dalle immagini di te e dal suono: si sta tornando alle cose semplici, all’importante delle cose piccole ma salvifiche? Ai colori… alle chitarre acustiche… alle parole di tutti i giorni…
Mi fa piacere che si noti la semplicità nei miei testi e nei miei suoni, ed in effetti si, spero si torni a queste cose qui, che si sono un po’ perse…Ma a prescindere dalle mode a me piace questa semplicità anche perché le cose costruite e forzate non le so fare, perciò continuerò come ho sempre fatto.

Biografia di Redazione Bravo!

Bravonline nasce tra il 2003 e il 2004 frutto della collaborazione tra vari appassionati ed esperti di musica che hanno investito la loro conoscenza e il loro prezioso tempo al fine di far crescere questo magazine dedicato in particolar modo alla Canzone d’Autore italiana e alla buona musica in generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota l'articolo!

Gianluca De Rubertis: esce oggi il nuovo disco

I negramaro tornano con il nuovo singolo “LUNA PIENA”