in ,

Sanremo: Sergio Caputo rammaricato per l’oblio del suo Garibaldi

Sanremo.  Come annunciato, la serata di Giovedì sarà dedicata alla celebrazione del 150º anniversario dell’Unità d’Italia;  ciò avverrà attraverso l’interpretazione, a cura dei cantanti in gara, di canzoni in qualche modo significative per ricordare l’unificazione del nostro paese.
È un peccato che la direzione del Festival abbia dimenticato di inserire – fra le canzoni scelte – l’unico brano italiano moderno che sia direttamente dedicato alla figura di Garibaldi – “IL GARIBALDI INNAMORATO” di Sergio Caputo.   Una distrazione incomprensibile, considerato che Garibaldi è l’artefice storico dell’Unità d’Italia, e che la sua immagine è usata un po’ dovunque sui mezzi di comunicazione, particolarmente in TV, come “immagine-simbolo” del 150º anniversario dell’Unità.
La distrazione, o forse l’omissione, lascia ancor più perplessi, in quanto fra le canzoni selezionate appaiono brani come “Il cielo in una stanza“, o “la notte dell’addio“, o “Parlami d’amore Mariù” e addirittura”Here’s To You” (tema del film su Sacco e Vanzetti): tutti brani molto belli, ma che nulla hanno a che fare col tema dell’Unità d’Italia.

Sergio Caputo stesso non nasconde il suo stupore e dichiara:  “Da più di un anno ricevo incoraggiamenti e lodi per aver scritto una canzone come “il Garibaldi Innamorato”,  un brano che è entrato nella storia della canzone italiana, e che parla di Garibaldi a livello umano e poetico e al di là delle retoriche.  Tra l’altro, un brano che è legato alla storia del Festival di Sanremo, dove nel 1987 l’ho presentata al grande pubblico.  Mi sarei aspettato un invito anche simbolico al Festival, o quantomeno che la canzone fosse inclusa nella serata celebrativa.  Sono molto stupito che ciò non sia accaduto. “

Sergio Caputo, a grande richiesta dei fans – ha appena fatto uscire una versione contemporanea de “IL GARIBALDI INNAMORATO“, proprio a celebrazione del 150º dell’Unità, nel contesto di un progetto di remix denominato “CAPUTAGLIA “.

Condividi l’articolo

Redazione Bravo!

Biografia di Redazione Bravo!

Bravonline nasce tra il 2003 e il 2004 frutto della collaborazione tra vari appassionati ed esperti di musica che hanno investito la loro conoscenza e il loro prezioso tempo al fine di far crescere questo magazine dedicato in particolar modo alla Canzone d’Autore italiana e alla buona musica in generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Vota l'articolo!

NUDI DI CANZONE – A cura di Paolo Talanca

Riparte il tour di Francesco Guccini, il Maestrone di Pavana